components-tools-furniture-automation

Pavimentazione ESD

Che si tratti di un piccolo laboratorio di assistenza tecnica, o di una produzione di schede elettroniche, l’area protetta deve rispettare i parametri definiti dalla normativa DIN EN 61340-5-1 nelle sue parti.
Tavoli e banchi da lavoro, macchinari ed operatori devono scaricare correttamente le cariche elettrostatiche e poter garantire la protezione ESD durante tutte le fasi lavorative.
Al fine di realizzare una area di lavoro protetta, è indispensabile che anche la pavimentazione statico dissipativa del locale, sia adeguata.

Esistono tanti metodi di realizzazione della pavimentazione a seconda delle esigenze e configurazione dei locali.

  • VERNICIATURA
    Un primo sistema è la realizzazione di una laccatura del pavimento, si usa una apposita vernice acrilica mono componente di tipo statico dissipativa. Chiaramente tale situazione comporta l’avere un pavimento regolare pulito, sigillato, privo di macchie da oli o grassi, sporco e particelle di vario tipo, ma sopra tutto deve essere libero da macchinari.
    La stesura della lacca può venire stesa manualmente con un rullo dando alcune passate in modo da creare uno strato protettivo.
    Se si stende su una pavimentazione in cemento o calcestruzzo, sarà necessario precedere tale operazione con una stesura di un impregnante epossidico che fissa il cemento.
  • TAPPETI
    Per grandi aree si possono stendere i pavimenti in vinile.
    Si tratta di una pavimentazione che dura nel tempo, ma richiede aree libere, una superficie perfettamente liscia, pulita ed asciutta (secca). I tappeti che vengono forniti in rulli, devono, precedentemente alla posa, restare distesi a temperatura ambiente, per acclimatarsi e perdere la forma arrotolata.
    Per la stesura occorre utilizzare una colla conduttiva a base d’acqua, ma comunque il supporto di un posatore esperto rende il lavoro duraturo.
  • PIASTRELLE
    Il sistema di pavimentazione più apprezzato dai clienti negli ultimi anni, sono le piastrelle autoposanti, la soluzione più facilmente espandibile e modificabile.
    Si tratta di piastrelle statico dissipative ad incastro, dello spessore di 5mm o 7mm, a seconda del tipo di utilizzo richiesto.
    Sono della dimensione 50x50cm e sono facilmente componibili, possono venire completate con delle pratiche rampe di accesso che evidenziano la zona protetta e consentono lo scorrimento in continuo e senza intoppi delle ruote dei carrelli o delle sedie.
    Sono facilmente tagliabili per poter venire adeguate agli ambienti .
    per la loro posa non servono spazi liberi, non serve nemmeno piastrellare avere tutta l’area libera in quanto, a puro titolo di esempio, davanti ad una linea automatica di montaggio, basta creare solo una “passatoia” antistatica dove l’operatore cammina durante il suo lavoro, dato che la linea sarà già stata adeguatamente messa a terra.
    Inoltre le piastrelle compongono una pavimentazione facilmente smontabile, spostabile e rimontabile N volte, a seconda delle esigenze e dei locali.
Piastrella autoposante 5mm con rampe perimetrali